Pubblicata il 20 Novembre 2018

Chi l’ha detto che durante i mesi più freddi dell’anno nonsia possibile salire in sella e godersi il paesaggio a bordo di due ruote? Cisono diverse destinazioni dove si può praticare il mototurismo invernale con soddisfazione. Ecco qualche itinerario.Da Scavino ad Alba puoi acquistare ultimi modelli di Harley Davidson e un valido usato garantito.

Alla scoperta del Marocco, in moto   

Quando si pensa a mete relativamente miti anche a inizio anno, viene in mente il Nord Africa, battuto da molti appassionati di mototurismo invernale. Uno dei Paesi più frequentati da questo punto di vista è il Marocco. Chi vuole visitare il Marocco in moto è agevolato da una rete stradale che in linea di massima è in buone condizioni. Circa 1.800 km di autostrada, dalla A1 alla A8, collegano le principali città. In sella alla moto portatevi tenda e sacco a pelo se vi piace dormire sotto le stelle: nel Paese sono presenti almeno un centinaio di camping, in zone dalla natura ancora autentica e incontaminata.

La magia della Death Valley    

Se hanno qualche settimana di ferie a disposizione, gli amanti del mototurismo invernale non possono perdersi degli itinerari mozzafiato come quelli che si distendono tra la California e il Nevanda, negli Stati Uniti. È la zona della famosa Death Valley, tra picchi montuosi come il Picco del Diavolo e un deserto brullo e infuocato. Attraversando la Valle della Morte americana, non dimenticate di fermarvi con la vostra moto ad ammirare anche le cascate di sale delle Panamint Mountains ed il Deserto dell’Amargosa.

Creta e moto, connubio vincente

Nell’area del Mediterraneo, oltre alle nostre isole-gioiello della Sardegna e della Sicilia, ci sono altri posti ideali per praticare il mototurismo invernale. Spiagge mozzafiato, natura selvaggia e strade sterrate: tutto ciò è offerto dalla Grecia, certamente, ma anche da Creta, per le moto e i riders un vero e proprio parco divertimenti naturale. Uno dei luoghi più suggestivi è quello delle Gole di Samaria, tutte in salita tra curve tortuose che si inerpicano verso i Monti Bianchi. Occhio a qualche tratto non asfaltato.